BODYBUILDING

Nel BB la valutazione si basa sul, così detto, X shape, formato da una parte superiore del corpo a forma di piramide rovesciata e da una parte inferiore costituita da gambe stondate, massose e tirate. Non a caso si dice che le gare di bb si vincono soprattutto di gambe e schiena. Servono clavicole larghe ed un dorso molto ben costruito sia in ampiezza che in spessore tale da far sembrare la vita stretta. Non devono esserci muscoli carenti: tutti i gruppi e tutte le porzionature di muscolo sono importanti.

Devono esserci simmetria, armonia e proporzioni.

La definizione deve essere “a pelle”, i muscoli devono sembrare di plastica quindi enormemente qualitativi con abbondanza di dettagli e vene in vista.

I bodybuilder possono non essere degli adoni in viso, e per quanto riguarda la presentazione, il maggior numero di pose consente di valorizzare la condizione.

Il posing è infatti il più vasto tra quarti di giro in semi-rilassata e pose obbligatorie, per le quali ci si deve allenare a tenere la contrazione senza soffrire o tremare, o almeno, senza darlo a vedere. Nel BB la routine di pose libere su base musicale da modo all’atleta di enfatizzare la sua preparazione mostrandone i punti di forza ed è ulteriore occasione di convincere la giuria.

MAN PHYSIQUE

Il MP ideale ha la clavicola molto larga e dritta come se fosse una gruccia per abiti; ha un V shape fantastico ed innato, con una vita sottilissima apprezzabile soprattutto nella posa laterale. I muscoli focus sono appunto quelli del V shape: petto, braccia, addome e spalle. La schiena deve essere larga ma non troppo piena; la postura deve essere ideale e la definizione ottima, ma non estremizzata come nel BB. I muscoli devono essere belli qualitativi (ma non plastificati come nel BB); serve infatti un po di “morbidezza”, quindi niente vene in eccesso, ma solo quanto basta a mostrare una buona condizione.

I MP devono essere belli: avere un bel viso, avere un aspetto molto curato e l’espressione di chi padroneggia il palco. Hanno solo 4 pose ma devono essere fatte da dio e con estrema naturalezza in modo da evidenziare fascino e carisma. Inoltre per loro è basilare la camminata che viene definita model-walk e deve mostrare ottimo portamento e disinvoltura.

HP (altezza/peso)

Gli HP hanno una struttura scheletrica leggera e armonica, proporzionata nelle lunghezze degli arti e del busto, sulla quale sono presenti muscoli generalmente più lunghi rispetto a quelli stondati e spessi della categoria BB. Non sono massosi e anche la gamba non dà l’idea di possenza ma è bensì disegnata perfettamente nella sua anatomia.

La definizione a pelle e le separazioni sono al top. In questa categoria le gare si vincono a suon di righe e striature.

Il posing ha le stesse obbligatorie e semi-rilassate della categoria BB, ma nella più muscolosa le mani vanno messe ai fianchi.

Le routine degli HP sono delle vere e proprie esibizioni di eleganza e anatomia.

CLASSIC PHISIQUE

In questa nuovissima categoria che pesca dal passato si collocano gli atleti che con il loro curatissimo posing riescono a rievocare i grandi miti della cultura fisica dello scorso millennio.

Le pose sono quelle semi-rilassate e obbligatorie del BB ma la vera sfida sta proprio nella presentazione delle infinite varianti regalateci dai maestri del posing. Qui più che mai è evidente il background e l’esperienza dell’atleta, il quale deve avere una spiccata presenza scenica e la capacità di rendere spettacolare la presentazione.

I loro corpi sono assimilabili a quelli della cat. BB per quanto riguarda volumi, spessori e proporzioni, tuttavia non è richiesta né desiderabile una definizione estrema.

La valutazione tiene conto anche della routine, perciò l’atleta vincente è colui che riesce ad unire doti artistiche, eccellente costruzione muscolare e buona condizione.

BIKINI

La bikini ideale è una bella donna dall’aspetto molto curato, un bel viso ed un corpo sinuoso con vita strettissima, clavicole ampie e piacevole V shape. Le sue gambe sono toniche e ben delineate, possiede glutei alti e sodi e non deve presentare inestetismi.

Nella bikini si cercano rotondità, e morbidezza ma anche tonicità e mai la condizione deve essere estrema con vene in vista, striature o marcate separazioni muscolari.

La bikini vincente ha padronanza del palco e si esibisce con naturalezza. La sua bellezza è estremamente femminile, carismatica, fascinosa e mai volgare.

Le atlete si confronteranno sui quarti di giro in pose rilassate ed eseguiranno una model walk in cui è fondamentale disinvoltura, eleganza ed un eccellente portamento.

Particolare rilievo è attribuito alla posa di schiena.

FIGURE

Come per la bikini, la figure è un’atleta estremamente femminile ed elegante, che mostra disinvoltura, bellezza e carisma.

Il suo corpo presenta una struttura armonica e ugualmente proporzionata sia nella posa frontale, che laterale, che di schiena. La sua linea deve dunque mostrare impeccabile simmetria e proporzioni.

La Figure ideale presenta evidente tonicità e la sua condizione è determinata dal giusto equilibrio tra pienezza muscolare e definizione, dove la rotondità muscolare deve evidenziare la sinuosità femminile e la definizione non deve essere così accentuata da mostrare striature o marcate separazioni muscolari. In particolar modo sono apprezzati un addome ben delineato e delle gambe con evidenti segni di allenamento.

Le Figure sono valutate attraverso dei quarti di giro in posizione semi-rilassata e nell’esecuzione di una model walk in cui ogni atleta sarà valutata per il suo tono muscolare, il suo portamento e la sua bellezza generale.

ATHLETIC

La Athletic ha una struttura scheletrica leggera e armonica, proporzionata nelle lunghezze degli arti e del busto, sulla quale sono presenti muscoli generalmente più lunghi rispetto a quelli stondati e spessi della categoria Woman BB. Non sono massose e anche la gamba non dà l’idea di possenza ma è bensì disegnata perfettamente nella sua anatomia.

La definizione a pelle e le separazioni sono al top. In questa categoria le gare si vincono a suon di righe e striature.
La Athletic deve essere un’atleta dal fisico equilibrato tra parte alta e bassa del corpo e proporzionato sia sulla posa frontale, che laterale, che di schiena.

La condizione è la caratteristica più ricercata, seguita dalla muscolarità ed infine la linea.

Le partecipanti verranno valutate mediante le posizioni semi-rilassate nei quarti di giro, mediante le 5 pose obbligatorie (doppio bicipite, frontale e di schiena, espansione toracica, tricipite e addominali e gambe) e mediante l’esibizione in una routine di pose libere su base musicale.

BODYBUILDING WOMAN

Nel BB femminile la valutazione si basa sul, così detto, X shape, formato da una parte superiore del corpo a forma di piramide rovesciata e da una parte inferiore costituita da gambe stondate, massose e tirate. Non a caso si dice che le gare di bb si vincono soprattutto di gambe e schiena. Servono clavicole larghe ed un dorso molto ben costruito sia in ampiezza che in spessore tale da far sembrare la vita stretta. Non devono esserci muscoli carenti: tutti i gruppi e tutte le porzionature di muscolo sono importanti.

Devono esserci simmetria, armonia e proporzioni.

La definizione deve essere “a pelle”, i muscoli devono sembrare di plastica quindi enormemente qualitativi con abbondanza di dettagli e vene in vista.

Le Woman BB hanno a disposizione un maggior numero di pose rispetto alle altre categorie femminili, che consente di valorizzare la condizione.

Il posing è infatti il più vasto tra quarti di giro in semi-rilassata e pose obbligatorie, per le quali ci si deve allenare a tenere la contrazione senza soffrire o tremare, o almeno, senza darlo a vedere. Nelle Woman BB la routine di pose libere su base musicale dà modo all’atleta di enfatizzare la sua preparazione mostrandone i punti di forza ed è ulteriore occasione di convincere la giuria. 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Don’t Stop Here

More To Explore

Test Antidoping

Non tutti sanno che mediamente un test anti-doping valido (ormoni, peptidi, SARMs, precursori, metaboliti) costa circa 350 euro per atleta.   A questo costo si aggiunge

ACCOMPAGNATORI

In qualsiasi sport l’accompagnatore di un atleta non è una presenza superflua che, come suggerisce il termine, semplicemente ‘tiene compagnia’. L’accompagnatore, specialmente nel Body Building,

Positivo alla Salute

FCFN in collaborazione con POSITIVO ALLA SALUTE propone il PROGETTO PERCORSO SALUTE ATLETI Ormai tutti lo sappiamo: il 2020 è stato un anno di merda