Importante:

Sottoscrivendo il regolamento ogni atleta FCFN si rende disponibile a partecipare al Progetto Salute Atleti

Sarà la giuria ad individuare gli atleti che parteciperanno al progetto.

In aggiunta sono possibili CONTROLLI A SORPRESA nel corso di tutto l’anno a tutti i suoi tesserati.

Chi dovesse rifiutarsi ad un qualsiasi controllo, verrà squalificato con effetto immediato senza possibilità di essere riammesso alle competizioni. 

Un’associazione sportiva drug free ha bisogno di effettuare dei test seri ed accurati, indipendentemente dal loro costo.
Per questo motivo FCFN ha deciso di investire sui migliori test antidoping ad oggi disponibili che consentono di trovare sostanze quali SARM e peptidi, non rintracciabili da altri test più a buon mercato. 

Gli atleti in regola con il tesseramento saranno passibili di controlli antidoping a sorpresa durante l’anno; i controlli verranno effettuati previa comunicazione agli interessati e saranno effettuati entro 5 giorni dalla comunicazione; chi dovesse rifiutarsi di eseguire il controllo, sarà espulso dall’associazione e non potrà chiedere il rimborso della quota associativa

LOTTA AL DOPING ED ETICA SPORTIVA

Tutti sappiamo quanto sia difficile la lotta al doping nel mondo dello sport.

In Italia e soprattutto nell’ambito della nostra disciplina, le associazioni che cercano di tenere lontano la disonestà di chi si dopa e poi viene a gareggiare nelle competizioni natural sono costrette a ricorrere a vari stratagemmi, perché legalmente i controlli sono ad esclusiva competenza degli organi istituzionali che fanno capo alla WADA (World Anti-Doping Agency).

Però è tempo che anche gli atleti si chiedano cosa possono fare per la loro associazione, per la loro disciplina e soprattutto per certificare la loro etica sportiva. 

Con questo intento FCFN ha inserito nel suo regolamento una nuova opportunità, a tutela di tutti gli atleti natural che vogliono prendere parte alle competizioni dell’associazione: la possibilità di essere scelti per il PROGETTO SALUTE ATLETI, un percorso di analisi cadenzate su sangue e urine.

Ogni atleta, firmando il regolamento, si impegna a rendersi disponibile al progetto salute atleti.

Il Consiglio Direttivo valuterà i suggerimenti della giuria per individuare tutti gli atleti che si sottoporranno ai 3 prelievi nell’arco di tutta la loro preparazione agonistica, dal momento del bulk al momento della gara, offrendo il rimborso delle spese di viaggio per raggiungere il punto prelievi di riferimento del Centro Regionale Anti-Doping dell’Emilia Romagna con sede a Modena, dove verranno effettuati i 2 prelievi previsti fuori dalla competizione, mentre il 3° prelievo verrà effettuato in occasione di una delle giornate di gara, alla fine dell’esibizione sul palco.

 

FCFN fa appello al senso di responsabilità di tutti i suoi atleti, perché il futuro del Natural Bodybuilding è nella collaborazione e nella disponibilità che ogni atleta vorrà dimostrare attraverso questa preziosa opportunità.

Solamente gli atleti PRO si sottoporranno anche al test del poligrafo in occasione del campionato mondiale, in linea con il regolamento DFAC.

Se l’Atleta deve assumere, per motivi di salute, farmaci contenenti sostanze proibite ai sensi della Lista WADA, deve attivare la procedura per ottenere un’esenzione a fini terapeutici (Therapeutic Use Exemption-TUE).

PROCEDURA PRESENTAZIONE TUE

Tale esenzione (TUE) deve essere fatta pervenire alla segreteria FCFN entro i termini di iscrizione alla gara.
Puoi controllare la procedura specifica per ogni patologia al seguente link:
CHECKLIST

 

Qualsiasi patologia che necessiti di farmaci considerati “doping”, sopravvenuta nel corso dell’anno, deve essere fatta presente al Consiglio Direttivo dell’Associazione al fine di garantire massima trasparenza per gli atleti nel caso di controlli a sorpresa durante l’anno.

 

La direzione si mantiene a piena disposizione degli atleti per ogni chiarimento o dubbio relativamente a quanto specificato precedentemente.

 

Inoltre è possibile ottenere informazioni, anche in forma anonima, da parte di un esperto del centro regionale antidoping dell’Emilia Romagna nell’ambito del progetto “positivo alla Salute” cliccando al seguente link:
CHIEDI ALL’ESPERTO 

Poiché attualmente non esistono dei test che possano fornire garanzia dello status di “lifetime drugfree”, da parte nostra l’impegno a fare in modo che tutti i partecipanti siano natural da sempre è massimo e chiediamo a tutti coloro che abbiano fatto uso di sostanze dopanti, anche se puliti da più di 7 anni, di astenersi dal partecipare alle nostre competizioni. 

Lista sostanze proibite

Ultimo aggiornamento: 04/03/2022

Linee guida wada - informazioni mediche